chi siamonewsspettacolidate spettacolifestival rassegnecorsi e formazioneprogetti specialicontatti
Home > Progetti Speciali


TEATRI PARALLELI 2016
ALLEGATI PDF: (programma teatri paralleli 2016)
festival di teatro delle differenze

 











Coop. Sociale LA FORMICA / PRO-LOCO SANT'OMERO  /FONDAZIONE TERCAS Comune di Sant'Omero / Compagnia Terrateatro
 
TEATRI PARALLELI 2016
Festival di teatro delle differenze - 10ª edizione
Vincitore Premio Enriquez
 
31 agosto - 4 settembre  ore 21.15
SANT’OMERO
p.zza Antonio De Curtis
 
Ingresso Gratuito
 
MERCOLEDÌ 31 AGOSTO, ore 21.15
COMPAGNIA BERARDI-CASOLARI- CRISPIANO (TA) 
“Io Provo a Volare”
 
GIOVEDI 1 SETTEMBRE, ore 21.15
Reading di saluto dell'Attrice
STEFANIA SCARTOZZI - Teatro delle Formiche - CORROPOLI (TE)
"Un’idea di lentezza"
ore 21.40
Spettacolo finale  dei BAMBINI DI S. OMERO
Ospite della Serata il Giornalista e Scrittore Umberto Braccili
 
VENERDI 2 SETTEMBRE, ore 21.15
MAGNIFICO TEATRINO ERRANTE - BOLOGNA
"Io sono qui"
 
3 SETTEMBRE, ore 21.15
COMPAGNIA L'URLO, Centro di Salute Mentale Marco Cavallo - BRINDISI
“3500 Parole””
 
DOMENICA 4 SETTEMBRE
LUCIANA CANONICO – BENEVENTO
Nominata a Bruxelles Ambasciatrice della cultura italiana all’estero
Concerto Pianistico
Musiche di Chopin-Brahms-Prokoviev-Stravinskij

Laboratorio teatrale per bambini
diretto da Cristina Cartone, Compagnia Terrateatro
dal 28 Agosto al  1 Settembre, dalle ore 17 alle ore 19
presso la Scuola Elementare di Sant'Omero
 
In caso di pioggia gli spettacoli avranno luogo presso la palestra della scuola elementare e presso la Sala Bice Valori (nei pressi di Piazza De Curtis)
PROGRAMMA DETTAGLIATO
 
MERCOLEDÌ 31 AGOSTO, ore 21.15
COMPAGNIA BERARDI-CASOLARI- CRISPIANO (TA) 
“Io Provo a Volare”
di e con:Gianfranco Berardi
con:Voce solista e chitarra: Davide Berardi
Fisarmonica: Bruno Galeone
Regia: Gianfranco Berardi, Gabriella Casolari

Luci: Gabriella Casolari

Costumi: Pasqualina Ignomeriello
Il desiderio di dedicare uno spettacolo a metà fra il teatro e la musica al grande Domenico Modugno nasce dal voler omaggiare un emblema del cinema, del teatro e della musica popolare italiana.
Così un po’ per gioco un po’ per sfida nasce “Io provo a volare”, drammaturgia originale, che a partire da cenni biografici di Domenico Modugno, unitamente alle suggestioni evocate dalle sue canzoni, racconta la vita di uno dei tanti giovani cresciuti in provincia pronti a affrontare ogni peripezia per realizzare il sogno di diventare un artista.La storia vede un custode di un teatrino di provincia (o forse il suo spirito) che ostacola, non visto, le prove di un gruppo di giovani musicisti all’interno del teatro in cui lui vive e dove ha mosso i primi passi nel tentativo di diventare un attore.
Così fra racconto, musica, danza ed interpretazione, rievoca episodi della sua vita di sicuro ma incompreso talento. Rivive la fuga dalla sua piccola realtà, poi, deluso dagli incontri della città, il ritorno al paesino a fare il custode.Ma come se non bastasse, il piccolo e romantico cinema in cui aveva cullato il sogno artistico, nel frattempo è stato stuprato da restauri politici ad opera di incompetenti. Così per amore dell’arte e del proprio progetto di felicità già più volte sfumato il povero custode decide di demolire pietra dopo pietra il teatro.
In scena un attore, un cantante/attore e un musicista fanno vivere attraverso suoni, canzoni, monologhi ed immagini un viaggio che ha portato tanti ragazzi all’incontro con l’artista Modugno.
 
 
 
GIOVEDI 1 SETTEMBRE, ore 21.15
Reading di saluto dell'Attrice
STEFANIA SCARTOZZI - Teatro delle Formiche - CORROPOLI (TE)
"Un’idea di lentezza"
Il testo prende spunto dal racconto di Luis Sepulveda “ Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza. Storia che ha la meraviglia delle fiabe, ma che appare tutt'altro che semplice. Complessi sono i temi affrontati. La storia è quella di una lumaca che, in un mondo che ha perso la dimensione del tempo, in una società dominata dalla velocità e dall'ansia, insegnerà a riscoprire il valore della lentezza, a ristabilire uno spazio per la riflessione, a creare la dimensione in cui apprezzare nuovamente le persone e le cose che ci stanno attorno. La vicenda narrativa di “Un'idea di lentezza” vuole riconsegnare al pubblico profonde riflessioni dettate da una libertà di pensiero spesso assurdo, spesso paradossale, che infine ritorna alla storia originale.
 
ore 21.40     Spettacolo finale   BAMBINI DI S. OMERO
La presentazione è il risultato finale di una percorso di laboratorio e preparazione durato appena 5 giorni. I bambini e ragazzi di S.Omero e dei paesi limitrofi, magistralmente diretti dall'attrice Cristina Cartone della Compagnia Terrateatro, affrontano il tema ampio delle diversità con lo spirito giocoso e vero di chi vede in profondità la realtà.
 
Ospite della Serata il Giornalista e Scrittore Umberto Braccili
 
 
VENERDI 2 SETTEMBRE, ore 21.15
MAGNIFICO TEATRINO ERRANTE - BOLOGNA
"Io sono qui"
Con: Ninfa Maria Pesce, Mariagrazia Bazzicalupo, Christian Barbieri, Elena Coquoz, Nura Besic, Annalisa Frascari, Mariateresa Diomedes
Parole: Elena Cesari, Annalisa Frascari, Valeria Nasci e Alexander Lowen
Aiuto regia e composizione coreografica: Mariagrazia Bazzicalupo
Regia: Valeria Nasci
Uno spettacolo che punta a mostrare lo straordinario potere del corpo di svelare noi stessi, qualunque esso sia. Così capita di scoprire che l’importante è semplicemente esserci, senza dover per forza diventare chissà chi o fare chissà cosa.  “Io sono qui” è uno spettacolo di teatro fisico nel quale gli attori procedono come un’orchestra fatta di emozioni e voci. Poesia e storie personali vengono si intrecciano in un potente tessuto sonoro ed emotivo.  Attraverso un percorso in costante e lenta mutazione, ogni gesto racconta l’esserci: respiro,attesa,azione,immobilità. 
La scena si articola idealmente come una successione di scatole, all’interno delle quali lo spettatore può osservare da una fessura. Assisterà all’alternarsi di squarci di vite diverse, che a volte paiono un gioco, a volte evocano litigi dai quali scaturisce dinamismo folle. Oppure, sarà sommerso dall’esplosione delle parole. Ma resta, preziosa ed essenziale, la bellezza dell’essere qui, ora.
 
 
 
 3 SETTEMBRE, ore 21.15
COMPAGNIA L'URLO, Centro di Salute Mentale Marco Cavallo - BRINDISI
“3500 Parole”
Con: Donato Bruni, Piero Di Stefano, Davide Monte, Antonio Gennaro, Loredana Palmisano, Rosa D’Angelo, Cosimo Belluscio, Gennaro Dinota, Antonella Gallo, Luigi Rogoli e Carlo Minervini e Maddalena Guida.
Regista-Tecnico: Rosario Diviggiano
Direttore di Scena: Veronica Pesari
Regia: Rosario Diviggiano
In 3500 parole la vita all’interno degli ospedali psichiatrici giudiziari si palesa, sin da subito, come una routine incessante, fatta di gesti stereotipati che alimentano un processo di depersonalizzazione; così gli internati si guardano l’un l’altro, come in uno specchio, senza però vedersi davvero.
L’opera cerca di dar voce a chi non ce l’ha, di rendere il pubblico consapevole di situazioni e condizioni ingiustificate, lasciando agli internati stessi la possibilità di spiegare come sono giunti in ospedale psichiatrico giudiziario; chi firmava assegni in bianco, chi peccava di esibizionismo, chi ha persino dimenticato la ragione del proprio  internamento. Ed è qui che si esprime a pieno la vena tragicomica dell’opera, portata all’estremo in alcune situazioni, come nella scena del tribunale, proprio affinché il messaggio possa giungere in tutto il suo clamore. I 3 narratori, spettatori inermi di tutto questo vissuto, rappresentano la voce del popolo che pone e si pone domande scottanti quali “e la malattia? E le allucinazioni?...Voi dite che il matto è di norma capace di intendere e di volere e che ha diritto a stare in giudizio in tribunale?”. Un diffuso sentimento di inquietudine, paura, tipico dello stigma che da sempre accompagna il disagio psichico.
Il tema è oramai caro al Centro Marco Cavallo e, mentre la chiusura degli OPG continua ad essere procrastinata, nonostante un impegno legislativo esiga il contrario,noi gridiamo a gran voce lo sdegno per l’esistenza di un istituto anacronistico quale l’OPG, ultimo retaggio di una pratica manicomiale certificata.
E così, al termine della rappresentazione, una voce fuori campo, riporta tutti alla realtà equiparando il 1973, anno della prima uscita pubblica del Marco Cavallo dal manicomio di Trieste, ad oggi, con la viva speranza che il cavallo azzurro, eroe invisibile ma presente, della nostra opera, possa ancora una volta sfondare delle porte, quelle degli OPG e permettere a noi tutti di urlare: IO C’ERO!
 
DOMENICA 4 SETTEMBRE
LUCIANA CANONICO – BENEVENTO
Nominata a Bruxelles Ambasciatrice della cultura italiana all’estero
Concerto Pianistico
Musiche di Chopin-Brahms-Prokoviev-Stravinskij
“Ho provato a fare sedere Luciana sulle mie gambe, poggiando la sua piccola manina sulla mia, e ho cominciato a suonare. Ho capito subito che aveva un grande talento. Era in grado di memorizzare tutto e ripetere con esattezza le note, anche se non avrebbe mai potuto vedere uno spartito né i tasti del pianoforte. Così le ho insegnato la musica, facendola in barba alla natura”.
Con queste parole Tina Babuscio, professoressa al conservatorio di Benevento, racconta il giorno in cui ha conosciuto Luciana Canonico, straordinaria pianista non vedente di 17 anni.
Così Luciana ha cominciato a studiare insieme agli altri allievi del conservatorio ‘Nicola Sala’. In questi anni, i genitori hanno percorso migliaia di chilometri. Un grande sacrificio ripagato da un eccezionale risultato. Con il tempo Luciana ha imparato a leggere la musica in Braille, riuscendo a migliorare le sue doti naturali, anche con l’ulteriore aiuto di un maestro non vedente come lei. Adesso le sue grandi capacità sono riconosciute anche dai numerosi premi pianistici vinti.
SI è esibita, tra l'altro, a Montecitorio, durante la presentazione del Rapporto annuale del Garante per l’infanzia e l’adolescenza, al Parlamento Europeo e da poco è diventata Ambasciatrice della Cultura Italiana all'Estero.
 
 
 
 
Laboratorio teatrale per bambini
diretto da Cristina Cartone, Compagnia Terrateatro
dal 28 giugno al  02 luglio, dalle ore 17 alle ore 19
presso la Scuola Elementare di Sant'Omero
 
In caso di pioggia gli spettacoli avranno luogo presso la palestra della scuola elementare e presso la Sala Bice Valori (nei pressi di Piazza De Curtis)
 
 
 
Direzione Artistica: Ottaviano Taddei
Organizzazione e Comunicazione: Cristina Cartone
Info:3391824676
www.terrateatro.org


visite: 1020 | stampa




Galleria Immagini


 

- Home - Contatti - Chi Siamo - News - Spettacoli - Date Spettacoli - Festival e Rassegne - Corsi e Formazione - Progetti Speciali

 

(c) 2009 Riproduzione vietata - All rights reserved | TERRATEATRO - Partita Iva 01054800675
sito sviluppato da EasyWebAgency