chi siamonewsspettacolidate spettacolifestival rassegnecorsi e formazioneprogetti specialicontatti
Home > Spettacoli > Teatro


CEMENTO

produzione 2008
CEMENTO  tratto dal romanzo "Cristo tra i muratori" di Pietro Di Donato
Attori: Cristina Cartone, Alessio Fratoni, Ottaviano Taddei
Costumi: Terrateatro
Scenografia e oggetti: Francescomaria Di Bonaventura
Musiche eseguite dal vivo (fisarmonica, contrabbasso): Alessio Fratoni
Disegno Luci: Tea Primiterra
Adattamento teatrale e Regia: Ottaviano Taddei


La storia di Pietro Di Donato ci racconta un’intera epoca, quando gli emigranti italiani attraversavano l’oceano per raggiungere “la Merica”.
Aveva appena dodici anni che suo padre, muratore, morì sul lavoro a causa di un crollo di un edificio. Era il venerdì santo del 1923. La fatica dovuta alla perdita del padre, i sette piccoli fratelli bisognosi di essere accuditi, costringono Pietro ad iniziare il lavoro di muratore a quella giovane età.
La vicenda che intendiamo raccontare con lo spettacolo “Cemento” parte proprio dalle condizioni dei migranti italiani, dai soprusi ricevuti sul posto di lavoro, dai salari bassi, dalle condizioni precarie in cui si guadagnavano il pane. Sembrano argomenti attuali, che ripropongono lo spinoso tema del mondo dei diritti legati lavoro. Questa, in più, è una storia rude come un pezzo di granito, dove ritroviamo le nostre radici, dove il popolo dei muratori lotta contro la materia e contro il fato, sostenuto dalle forze elementari della sua stessa primitività e della fede in Dio. E il mondo di cui parliamo è un mondo oscuro, sordo, umile, nascosto, ignorato, che tenta di esprimersi a fatica per trovare una dimensione. Ma è anche un mondo in cui si parla il linguaggio della solidarietà, quella dei “paesani” , gente semplice costretta, come i genitori di Pietro, a lasciare l’Italia; in cui le tradizioni, i canti, le credenze, sono le stesse abbandonate nel paese natio. Sembra essere il medesimo racconto delle migliaia di immigrati di oggi, che muovono da ogni parte del mondo per cercare fortuna.
Gli avvenimenti si snodano, sulla scena, nell’arco di una giornata di lavoro, nella quale il piccolo Pietro è accudito, guidato, educato da Vincenzo detto Nasone, un vecchio muratore, amico fraterno e paesano del padre.
Un’intera giornata, dove i due protagonisti, attraverso le sottolineature dal vivo di musiche evocatrici, lasciano spazio al racconto degli avvenimenti della famiglia Di Donato, una fra le tante, che a stento vive sullo sfondo dei grattacieli di New York e della grandiosità americana in costruzione.
Una fatica che diventa anche sogno, gioco, poesia, consegnando nelle mani di un bambino non solo il destino di un’intera famiglia, ma anche il grido di speranza dei miseri della terra, dei Poveri Cristi.


visite: 3387 | stampa




Galleria Immagini


 

- Home - Contatti - Chi Siamo - News - Spettacoli - Date Spettacoli - Festival e Rassegne - Corsi e Formazione - Progetti Speciali

 

(c) 2009 Riproduzione vietata - All rights reserved | TERRATEATRO - Partita Iva 01054800675
sito sviluppato da EasyWebAgency