chi siamonewsspettacolidate spettacolifestival rassegnecorsi e formazioneprogetti specialicontatti
Home > Festival e Rassegne


TERRE di TEATRI 2011
ALLEGATI PDF: (programmaTerreTeatri 2011) (programmaTerre2011)
festival di teatro contemporaneo e teatro ragazzi
Festival di Teatro Contemporaneo e Teatro Ragazzi
Dal 25 Novembre al 18 Dicembre
GIULIANOVA
Centro Socio-Culturale, quartiere Annunziata
(fine Lungomare Sud)



                               TEATRO CONTEMPORANEO




VENERDI 25 NOVEMBRE, ore 21.15
Terrateatro-Teatro Stabile d'Abruzzo (giulianova)
con gli attori diversamente abili del teatro delle formiche
“VIVO NEL VUOTO”



VENERDI 2 DICEMBRE, ore 21.15
Teatro Lanciavicchio (avezzano)
“ L'AVVENTURA DI UN POVERO CRISTIANO”

VENERDI 9 DICEMBRE, ore 21.15
Teatro sotterraneo (firenze)
“LA COSA 1”

VENERDI 16 DICEMBRE, ore 21.15
Nutrimenti terrestri-Inteatro-Walsh
scritto e diretto da Mattia Torre
“456”



                                            TEATRO RAGAZZI




DOMENICA 27 NOVEMBRE, ore 17.30
Teatrabile (l'aquila)
“TRILOGIA DELLA BUGIA”

DOMENICA 4 DICEMBRE, ore 17.30
Principio Attivo Teatro (lecce)
“BERTUCCIA ALL'INFERNO”

DOMENICA 11 DICEMBRE, ore 17.30
Teatro del Paradosso (loreto aprutino)
“MASCHIO CONTRO FEMMINA”

DOMENICA 18 DICEMBRE, ore 17.30
Teatro Patalò (rimini)
“NELLA TANA DEL LUPO”

info e prenotazioni 3391824676
posti non numerati

Nutrimenti terrestri/Inteatro/Walsh: "456" € 10

-Libreria UBIK Via Adriatica 30, Roseto degli Abruzzi
-per la zona di Giulianova contattare il numero 3489314156
Teatro contemporaneo: € 5
Teatro Ragazzi: € 3




direzione artistica: Ottaviano Taddei, Cristina Cartone


programma dettagliato




                                    TEATRO CONTEMPORANEO



ore 21,15.....ingresso € 5 / spettacolo "456" ingresso € 10


VENERDI 25 NOVEMBRE, ore 21.15
Terrateatro-Teatro Stabile d'Abruzzo
con gli attori diversamente abili del teatro delle formiche
“VIVO NEL VUOTO”
Con : AngeloTiti, Antonio Agostini, Cristina Cartone,Giancarlo
Costantini, Marco Massarotti, Stefania Scartozzi.
Regia e drammaturgia: Ottaviano Taddei
Lo spettacolo è un omaggio al funambolo Philippe Petit, un personaggio originale ed eccentrico, un teatrante dell'aria. La vicenda, in tutta la sua forza espressiva, è l'occasione per parlare della più famosa impresa, quella tra le Torri Gemelle, avvenuta nell'agosto del 1974. Ma è anche il pretesto per parlare di solitudini che si incontrano. Il tentativo di una improbabile emulazione di una “passeggiata” nel vuoto diventa, qui, una metafora, un tentativo di costruire una visione al limite della realtà. Importante non è solo quel momento di straordinaria magia; straordinaria, piuttosto, diventa la sua preparazione, diventa la strada che conduce verso l'irraggiungibile. I corpi, la lentezza, la forza, l'urlo, sono i mezzi espressivi che prendono forma, dando al sogno effimero di un funambolo una fissità eterna. Philippe è ancora lì, su quel filo. Lì è raggiunto da altri esseri umani che rifiutano la scontata quotidianità. L'invito è straordinario: “Vieni anche tu sul filo, da qui tutto è diverso”.


VENERDI 2 DICEMBRE,ore 21.15
Teatro Lanciavicchio
“L'AVVENTURA DI UN POVERO CRISTIANO”
Con: Matteo Auciello,Tommaso Di Giorgio, Stefania Evandro,Giuseppe Morgante, Alberto Santucci, Rita Scognamiglio,Giacomo Vallozza
Musiche composte e eseguite dal vivo: Giuseppe Morgante
Regia: Antonio Silvagni
Il Lanciavicchio ha incontrato spesso le opere di Silone.Ancor più spesso la compagnia ha inseguito l'autore per distillare suggestioni etiche che potessero rivelare le tracce di quel passato arcaico. Interrogare la storia d'Abruzzo anche attraverso Silone è infatti scoprire l'architettura di una terra che presenta ancora oggi contrasti e conflitti. E Celestino diventa simbolo del coraggio di entrare in quella storia proprio attraverso la negazione, la ribellione e la coerenza.


VENERDI 9 DICEMBRE, ore 21.15
Teatro Sotterraneo
“LA COSA 1”
Con: Iacopo Braca, Sara Bonaventura, Matteo Ceccarelli, Claudio Cirri
Drammaturgia: Daniele Villa
Creazione Collettiva: Teatro Sotterraneo
vincitore di “NUOVE CREATIVITÀ”, progetto sostenuto da ETI, Ente Teatrale Italiano
Lo spazio così com'e, privo di accessori. Uno svuotamento. Un atletismo che si espande e si ritrae, investe i luoghi. Un'invasione. Montaggio di minimi comuni denominatori delle biografie di ognuno. Il trailer della vita. Si accendono le luci. La folla si compatta. Inizia il movimento, qualsiasi movimento, tutto purchè qualcuno faccia qualcosa, una messa alla prova continua di muscoli e nervi, un corpo precario che dà tutto anche quando non ne ha più, inscena il fare per fare, fare2, fare3, lo strafare, lo stroppiare, una presentazione di iperattività che va dalla culla all'apocalisse. Per voi. “La Cosa 1” è l'evento, ma anche la cosa subito dopo, quando ci si ferma, stanchi, saturi: “La cosa 1”, invece ripete, insiste, riparte a muoversi, correre, fare: la fine sostituita dal sequel: si vive una volta sola.


VENERDI 16 DICEMBRE, ore 21.15
Nutrimenti Terrestri - Inteatro -Walsh
Dagli attori e dallo sceneggiatore della serie televisiva “Boris”
“456”
Con: Massimo De Lorenzo, Cristina Pellegrino, Carlo De Ruggieri, Franco Ravera
Regia: Mattia Torre
Una famiglia in un luogo imprecisato del Sud Italia; isolata e chiusa, vive in mezzo a una valle di 456 ettari oltre ai quali sente l'ignoto. Il capofamiglia, la moglie e i figli sono ignoranti, diffidenti, nervosi. Si scagliano addosso alla salama appesa con lo spago, a una delle travi del soffitto, rabboccano un sugo di pomodoro lasciato in eredità dalla nonna morta tre anni prima, litigano, pregano, si odiano. E tuttavia occorre una tregua, perché sta arrivando un ospite atteso da tempo, che può e deve cambiare il loro futuro. Tutto è pronto, tutto è perfetto, ma la tregua non durerà. Una commedia disincantata, dolceamara, ricca di non-sense e di allusioni racconta, attraverso le vicende di una famiglia di un improbabile Sud Italia, il dietro le quinte della nostra societa', con il sarcasmo e la pungente ironia tipica di "Boris"



                                            TEATRO RAGAZZI



ore 17,30......ingresso € 3


DOMENICA 27 NOVEMBRE, ore 17.30
Teatrabile
“TRILOGIA DELLA BUGIA” da 6 anni in poi
Con: Roberto Mascioletti e Roberta Bucci
Regia: Eugenio Incarnati
E' uno spettacolo adatto a tutti che affronta lo spinoso tema delle bugie, dalle più grosse ( che arrivano perfino a scatenare le guerre) alle più piccole, sottili ed insidiose. Si arriva a dimostrare, alla fine, che le bugie altro non sono che l'altra faccia della stupidità. L'intento, però, non è solo quello di criticare bugiardi antichi e moderni, ma è più ambizioso: ritrovare, nella semplicità e nel gusto per la verità, il senso profondo dello “stare insieme agli altri”.

DOMENICA 4 DICEMBRE, ore 17.30
Principio Attivo Teatro
“BERTUCCIA ALL'INFERNO”  6 - 11 anni
Di e con: Fabrizio Pugliese
In scena un narratore e un burattino decidono di raccontare una storia. Si assegnano le parti: Bertuccia fa Bertuccia, il narratore fa tutti gli altri personaggi. La storia in fondo è molto semplice,risponde al classico modello della favola antica, con le tre prove da superare prima del lieto fine. Ma qui è il pretesto per affrontare, attraverso figure diaboliche, guerrieri e nere signore, il tema del rapporto genitori-figli.

DOMENICA 11 DICEMBRE, ore 17.30
Teatro del Paradosso
“MASCHIO CONTRO FEMMINA” 8 -14 anni
Con: Matteo Auciello, Federica Nobilio
Regia: Giacomo Vallozza
Lo spettacolo si ispira all'opera di Mark Twain “I diari di Adamo ed Eva”, i loro incontri/scontri, i loro intimi pensieri. Noi li scopriamo adolescenti, lui solitario, lei più estroversa. Ma questi due esseri, che si possono permettere di conoscere il mondo senza il bagaglio ingombrante della cultura e della tradizione, hanno una sfida davanti:dare un senso al loro stare insieme.

DOMENICA 18 DICEMBRE, ore 17.30
Teatro Patalò
“NELLA TANA DEL LUPO”  da 6 anni in poi
Con: Isadora Angelini, Mia Fabbri, Luca Serrani
Testo e regia: Cesar Brie
Denis è un lupo vegetariano.Nelle notti di luna piena spia i visitatori del bosco. Conosce la bella Angelica che ha appuntamento con il Mago d'Oriente, un tipo spietato che prenderà a morsi il povero Denis. Così, in una notte di luna piena, il lupo si trasforma in uomo, e un uomo, di notte, non può fare altro che visitare la città. Il suo rocambolesco incontro con la bella Angelica si trasformerà in una storia d'amore e un viaggio di nozze con  John Lennon come autista, cantando insieme il sogno di un mondo in cui gli uomini vivranno finalmente in pace.


visite: 4406 | stampa




Galleria Immagini


 

- Home - Contatti - Chi Siamo - News - Spettacoli - Date Spettacoli - Festival e Rassegne - Corsi e Formazione - Progetti Speciali

 

(c) 2009 Riproduzione vietata - All rights reserved | TERRATEATRO - Partita Iva 01054800675
sito sviluppato da EasyWebAgency