chi siamonewsspettacolidate spettacolifestival rassegnecorsi e formazioneprogetti specialicontatti
Home > Festival e Rassegne


TERRE DI TEATRI 2008

Festival Contemporaneo di Teatro e Musica
Dall’8 al 20 DICEMBRE 2008
GIULIANOVA Ore 21,15

Casa Maria Immacolata
Via Gramsci 59
PRESENTAZIONE
FESTIVAL CONTEMPORANEO DI TEATRO E MUSICA
TERRE DI TEATRI è la rassegna di Teatro sperimentale che il Comune di Giulianova ha voluto realizzare insieme alla compagnia Terrateatro. Fa parte del Progetto “rievocAZIONI”, festival contemporaneo di teatro e musica, giunto quest’anno alla sua sesta edizione. Il nome che abbiamo scelto è strettamente legato alla nostra storia, all’idea di teatro nella quale ci riconosciamo, alle sue modalità di rapportarsi con il territorio di  appartenenza: significa agire nella direzione di sviluppare un rapporto stretto con le persone e le realtà di quel preciso luogo.
Terrateatro opera nella Provincia di Teramo dal 1999 e ha come obiettivo sensibilizzare i suoi abitanti alla cultura teatrale, ma anche sviluppare una nuova socialità che passi attraverso il linguaggio teatrale e le dinamiche che da esso si sviluppano. Terrateatro, oltre ad organizzare momenti didattici in sede, lavora nelle scuole, nelle comunità, nelle strutture legate al disagio, agisce ed opera, cioe’, all’interno del proprio ambito sociale, allo stesso modo delle realtà artistiche ospiti del cartellone 2008. Sono questi  gli aspetti che caratterizzano il festival TERRE DI TEATRI e il programma che proponiamo ne è naturale testimone: quattro spettacoli teatrali, uno spettacolo di teatro ragazzi ed un concerto, presentati in un luogo non convenzionale, esatta cornice della tematica scelta. Una menzione particolare merita la giornata che abbiamo chiamato “Il Dì Dei Teatri D’Abruzzo”, due spettacoli in un solo giorno presentati da due delle compagnie facenti parte della rete  Teatri d’Abruzzo, di cui Terrateatro è componente e fondatore. Forte e’ il riferimento alle Terre che il Teatro esplora, ogni volta con nuovi stimoli e motivazioni, per favorire, con quello che può uno spettacolo, l’incontro tra individui.
      PROGRAMMA
Lunedì 8 dicembre
Teatro del Krak-“InQuiete le parole”

spettacolo a prenotazione obbligatoria per 50 spettatori
Studio dagli scritti di Annemerie Schwarzenbach
con: Alessandra Angelucci
voce in scena: Tiziana Irti
e con Lorenza Cufaro
regia, ideazione, progetto scenico: Antonio G. Tucci
Lo spettacolo è tratto dall’opera di Annemarie Schwarzenbach, scrittrice, fotografa e giornalista svizzera vissuta tra le due guerre. La vicenda ripercorre la sua intensa e tormentata esistenza e si sofferma sulle “sue parole”, un conglomerato di narrazioni: autobiografia, cronaca di viaggio, racconti, giornalismo, critica lucida e appassionata. In primo piano non c’è soltanto una personalità in costante ricerca di se stessa, ma uno sguardo attento ai mutamenti che sconvolgono la sua epoca così simile alla nostra.
 
Giovedì 11 dicembre
ZeroBeat -“Cara la Pelle”

 Liberamente tratto da: “Come se io non ci fossi” di Slavenka Drakulic e “Cecenia. Il disonore russo” di Anna Politkovskaja.
Spettacolo vincitore del Premio New Contaminate Art Festival di Aversa, edizione 2007.
Con: Sara Mansi, Enrica Provasi, Luisa Supino
Luci: Federico Ferrari
Video: Barbara Viotto
Un progetto scritto e diretto da Enrica Provasi
“Cara la pelle” racconta di una donna qualsiasi e di una guerra che un mattino entra nella sua vita “con un calcio nella porta”. Una donna che fa l’insegnante in un paesino di provincia, figlia di un’impiegata statale e di un ingegnere, che viene caricata su un autobus e portata in un campo di concentramento, dove diverrà prima serva, poi oggetto di violenza sessuale ripetuta e di tortura sistematica, concubina ed infine “profuga” spedita in un paese straniero. I profughi di “Cara la pelle” sono donne. Donne che parlano lingue diverse. Di origini, tradizioni, religioni diverse. Accomunate dall’essere diventate bestiame di scambio, prostitute, animali da soma, da tortura o da compagnia.
Sbriciolate, consumate, come un pezzo di pane o di sapone.

Lunedi’ 15 dicembre
Terrateatro -“Cemento”

Liberamente tratto dal romanzo “Cristo tra i muratori” di Pietro Di Donato
Con: Cristina Cartone, Alessio Fratoni, Ottaviano Taddei
Musiche eseguite dal  vivo: Alessio Fratoni
Adattamento  teatrale e Regia: Ottaviano Taddei
Lo spettacolo ci racconta le storie degli emigranti italiani che attraversavano l’oceano per raggiungere “la Merica”, i soprusi  ricevuti sul posto di lavoro, i salari bassi, le condizioni precarie in cui si guadagnavano il pane. Gli avvenimenti si snodano, sulla scena, nell’arco di una giornata di lavoro, nella quale il piccolo Pietro è accudito, guidato, educato da Vincenzo detto Nasone, un vecchio muratore, amico fraterno e paesano del padre. Una intera giornata, dove i due protagonisti, attraverso le sottolineature dal vivo di musiche evocatrici, lasciano spazio al racconto degli avvenimenti della famiglia Di donato, una fra le tante, che a stento vive  sullo sfondo dei grattacieli di New York e della grandiosità americana in costruzione. Una fatica che diventa anche sogno, gioco, poesia, consegnando nelle mani di un bambino non solo il destino di un’intera famiglia, ma anche il grido di speranza dei miseri della terra, dei Poveri Cristi.
 
Giovedi 18 Dicembre
Terre del Sud in concerto - musica popolare del centro-sud Italia

Canto: Cinzia Frattura
Canto, tamburello, danza: Martina Spadano
Canto, chitarre, danza: Mimmo Spadano
Fisarmonica, percussioni, chitarra, canto: Emanuele Spadano
Violino: Marco Pellicciotta
Tamburi a cornice: Alessandro Innamorati
TERRE DEL SUD nasce in Abruzzo nel 2003 da un gruppo di amici accomunati dalla voglia di riproporre e valorizzare la cultura musicale del sud Italia nel suo insieme, rintracciando i tratti comuni che uniscono le forme di espressione cantata e danzata della nostra tradizione.
Il repertorio vede alternarsi, in un viaggio immaginario nelle “terre del sud”, brani cantati della tradizione alle forme tipiche di tarantella, tammurriata, pizzica e saltarello, in un crescendo continuo di ritmi coinvolgenti in grado di trasmettere una irrefrenabile e contagiosa voglia di danzare.
Nel 2008 pubblica il primo cd “Terre del Sud – Musiche e balli tradizionali” che raccoglie il lavoro dei primi anni di attività: 14 brani che spaziano fra quelli tradizionali abruzzesi, rivisitati e personalizzati; inediti ottenuti musicando testi di poeti della nostra regione e la proposta di brani di altre regioni del meridione, a completare il viaggio musicale e culturale nelle terre del sud.
Sabato 20 Dicembre

Il di’ dei Teatri d’Abruzzo teatri d’arte in rete

Ore 17,00  Teatro Lanciavicchio
“I racconti del Lago”

spettacolo per ragazzi sui miti e le leggende del territorio abruzzese
Di: StefaniaEvandro  
Con: Daniele De Blasis, Cristina Cartone , Alberto Santucci, Rita Scognamiglio  
Regia: Stefania Evandro
Un viaggio nel sonno della memoria alla ricerca di una terra antica quanto il cuore dell'uomo: i miti d'origine, le mostruosità di un tempo che nascondono sempre una vena molle, personaggi riscavati da un passato, sepolto sotto cumuli di modernità. Antiche favole, vecchie paure, eterne dolcezze di guerrieri in viaggio verso il ricordo di sé.

Ore 21,15 Teatro del Paradosso
"Contro-Canti di Natale"
recital – concerto - con Arpa

Arpa: Lucia Antonacci
Voce narrante: Domenico Galasso
Quattro autori: Auster, Buzzati, Durrenmatt, D’AnnunzioCinque
racconti: il racconto di natale di auggie wren / lo  strano natale di mr. scrooge / natale/ iltesoro dei poveri / ce n’è troppo di natale.
Tanto tempo fa, dicono, tre re, seguendo una stella, fecero un lungo, lunghissimo viaggio da Oriente a Occidente. A Betlemme, dicono, si fermarono davanti ad una grotta. Noi, per una distrazione, probabilmente, credendo seguitare la strada dei re, abbiamo, invece, proseguito diritto, diritto, sempre diritto. Siamo occidentali, ora. Dis-orientati. Prova ne sono questi racconti: cinque percorsi contro il clamore del Natale, variamente sofferto secondo le diverse latitudini, longitudini, sensibilità… malessere vissuto, pensato, taciuto, confessato, scritto, cancellato, respirato, deglutito, cantato, suonato, danzato, che inventa la sua medicina rifacendo il percorso al contrario. Sperando poter trovare una stella, un oriente… e i tre re?
 
Ingresso spettacoli e concerti € 5
Spettacolo ragazzi “I racconti del Lago” € 3
Prenotazioni e informazioni: 3391824676


visite: 3969 | stampa




Galleria Immagini


 

- Home - Contatti - Chi Siamo - News - Spettacoli - Date Spettacoli - Festival e Rassegne - Corsi e Formazione - Progetti Speciali

 

(c) 2009 Riproduzione vietata - All rights reserved | TERRATEATRO - Partita Iva 01054800675
sito sviluppato da EasyWebAgency